In gioioso servizio agli altri

Unitalsi
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

UNITALSI DIOCESANA

La festa per i 50 anni di sacerdozio di don Benvenuto Orsato

In gioioso servizio agli altri

L’Unitalsi della Diocesi di Chioggia ha festeggiato i 50 anni di sacerdozio della sua guida spirituale, don Benvenuto Orsato. Le ‘nozze d’oro’ sono state festeggiate nella chiesa di Foresto con una messa da lui presieduta e concelebrata da alcuni confratelli. Una chiesa gremita di gente affezionata a don Benvenuto che nei suoi 50 anni ha percorso molte parrocchie e realtà: accanto a lui per festeggiare questo importante traguardo tutta l’Unitalsi, i famigliari ed alcuni parrocchiani delle sue ultime parrocchie ovvero Donzella e Boscochiaro. A ringraziarlo pubblicamente sia don Andrea Rosada, che con la sua omelia ha delineato con tratti emozionanti il servizio ed il percorso sacerdotale di don Benvenuto, sia una colonna portante dell’Unitalsi, Rina Biliero, che lo ha ringraziato per la sua assistenza spirituale all’interno dell’Unitalsi.

Questa associazione ha numerose sfaccettature, per questo don Benvenuto, con la sua verve e la sua innata capacità di mettere a proprio agio chi gli sta di fronte, riesce a sostenere i tanti volontari dell’Unitalsi che ogni giorno, in diverse realtà parrocchiali, svolgono il proprio servizio: ricordiamo il servizio per i malati oncologici a Pellestrina, presso la casa di riposo a Porto Viro, il servizio nel territorio di Porto Tolle ed infine Cavarzere, vicariato di don Benvenuto, dove l’Unitalsi vede volontari impegnati presso il Centro sollievo, la Casa di riposo, presso famiglie bisognose e nel trasporto di anziani e disabili. In ogni sua parrocchia don Benvenuto ha saputo lasciare il segno ed il positivo ricordo del suo operato; anche in veste di assistente spirituale dell’Unitalsi sa dare quel tocco di allegria fondamentale per dimostrare come la fede ed il mettersi al servizio di chi ha più bisogno è e deve essere una fonte di gioia. A chiudere la cerimonia le sue parole con cui ha rievocato immagini della sua infanzia, nido della sua fede che, con gli anni, ha aperto le ali ed ha saputo svolgere un importante servizio che dura da 50 anni. Per proseguire con i festeggiamenti, ci si è spostati in ristorante per il pranzo. Proprio lì don Benvenuto ha ricevuto in dono dall’Unitalsi un piccolo omaggio, una valigia: quale regalo migliore per un assistente spirituale che deve essere pronto ad ogni sfida, anche… in trasferta a Lourdes!

Paola Teson

Nuova Scintilla n.28 – 16 luglio 2017