Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

Diocesi di Chioggia

Bibbia Edu

Caldieri-banner

-- Briciole di Pastorale -- 3° Pasqua 2017

III-Pasqua

Ma il Parlamento svolge la funzione per cui è eletto?

COMMENTANDO...

Ma il Parlamento svolge la funzione per cui è eletto?

Vescovo-AMa il Parlamento si sta occupando delle vere leggi che possono segnare un risanamento economico, fiscale, lavorativo e sociale? Sta davvero lavorando su leggi che permettano quella vera stabilità politica capace di attirare investimenti in Italia anziché far scappare anche i nostri italiani che vanno a investire all’estero (vedi i nostri veneti in Crimea)? E mi viene un’altra domanda: ma i partiti formano e dispongono di persone competenti a proporre legge coerenti e significative per lo sviluppo economico, l’equità fiscale, la tutela dei cittadini, la salvaguardia dell’identità della cultura e della nazione? Certo, gli elettori sono messi nella condizione di eleggere chi viene presentato dai partiti e secondo la scaletta da loro proposta. Diversamente, rimane solo la via di disertare il seggio. Da un bel po’ a questa parte mi pare che il Parlamento non stia legiferando su ciò che è vitale per tutti, su ciò che può fare ripartire l’Italia, su ciò che può aprire una speranza a tanti giovani, famiglie, poveri e altro. Sembra che il calendario delle leggi parlamentari sia dettato dalle lobby benestanti di vario genere più che da ciò che è davvero urgente per il popolo e per il bene comune. Non si toccano i grandi nodi che permettono i grandi squilibri economici causati da emolumenti elevatissimi di alcuni alti dirigenti di pubbliche amministrazioni o da una legislazione tributaria le cui maglie larghe favoriscono l’elusione fiscale e/o le grandi ricchezze, mancano leggi che combattano efficacemente la corruzione, compresa quella bancaria, che lascia l’Italia fanalino di coda in Europa, in balia degli eventi che non riesce a governare, come le migrazioni, sia in entrata che in uscita. Mi colpivano le affermazioni di Ernesto Galli della Loggia sul successo che i grillini mietono per le loro denunce sui parlamentari, le loro retribuzioni, i loro vitalizi, le loro prerogative, le varie facilitazioni di cui godono. Ma il punto centrale è un altro, e riguarda anche i grillini, proprio sul Parlamento.

Read more...

Pasqua: vita e impegno della Chiesa

COMMENTANDO...

Pasqua: vita e impegno della Chiesa

veglia-pasqualeIl tema della vita è non solo centrale per la fede, ma ne è anche lo scopo! E’ la vita promessa e offerta che accende e rianima la fede, è la morte che la mette in crisi se non addirittura in scacco! Le celebrazioni pasquali hanno orientato i miei pensieri proprio sul grande tema della vita e su quanto la fede abbia da offrire all’uomo proprio in riferimento alla vita. Mi torna alla mente l’espressione del libro di Giobbe (2,4): “Pelle per pelle; tutto quello che possiede, l’uomo è pronto a darlo per la sua vita”. E’ l’amore per la vita che ha caratterizzato la missione di Gesù: “Io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza” (Gv 10,10). Nella grande preghiera al Padre, nell’imminenza della sua morte, Gesù interpreta il potere che il Padre gli ha dato come potere sulla vita: “Tu gli (al Figlio) hai dato potere su ogni essere umano, perché egli dia la vita eterna a tutti coloro che gli hai dato. Questa è la vita eterna: che conoscano te, l’unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo” (Gv 17,2). Cosa ha voluto mostrarci e donarci Gesù in tutta la sua vita terrena? L’evangelista Giovanni scrive: “Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome” (Gv 20, 30-31) . Dunque la fede è finalizzata alla vita!

Read more...

Il Sinodo del 2018

COMMENTANDO...

Il Sinodo del 2018 - I giovani, la fede e il discernimento vocazionale

Vescovo-PalazzettoTutta la Chiesa sarà chiamata, i giovani per primi, a interrogarsi in questo tempo sulla fede e sulle scelte che ciascuno è chiamato a fare di fronte alla chiamata del Signore. Questo significa discernimento vocazionale. Io vorrei condividere con voi e comunicarvi qualche ‘provocazione’ sulla fede.

Innanzitutto ritengo che “credere” significhi fare delle scelte radicali, talvolta trasgressive, che  permettono di uscire da quell’atteggiamento che inquadra in una vita ‘già vista’, già determinata dall’adulto e dalle strutture, e che quasi impedisce di dare spazio a desideri di libertà e di vita più autentica. E’ vero che il desiderio di ‘uscire’ può far nascere anche la paura di trovarsi senza sicurezze e senza protezioni, magari in balia delle proprie debolezze o delle ingenuità proprie di chi ha ancora una esperienza limitata della vita. Penso che anche Gesù, ormai trentenne, sia apparso ai più come un tipo “radicale e trasgressivo”, che parlava di Dio in maniera diversa dall’idea di Dio che avevano i più del suo tempo.

Read more...

Riflessioni pre-pasquali perchè vera sia la nostra Pasqua

COMMENTANDO...

Riflessioni pre-pasquali perchè vera sia la nostra Pasqua

don adriano vescovoQualcuno chiama la Pasqua il Big Bang della chiesa dal quale poi progressivamente si sono andate articolando le componenti della celebrazione del mistero cristiano nell’arco dell’intero anno liturgico. La ‘settimana santa’ riassume e annuncia nelle sue celebrazioni tutto il mistero della fede cristiana che abbraccia nelle sue linee essenziali il nostro presente e il nostro futuro. Il racconto della passione, morte e risurrezione del Signore è il racconto più lungo e dettagliato di tutta la vita di Gesù e si conclude con il racconto della risurrezione, che non va disgiunto da quanto precede. La liturgia della settimana santa si apre nella domenica delle Palme proprio col racconto della Passione e morte del Signore, riproposto poi il venerdì santo nella versione del vangelo di Giovanni. Pasqua è insieme passione e passaggio, e più lungo è il tempo riservato alla passione, la cui meditazione non va relegata al solo venerdì santo e in una prospettiva di lutto e cordoglio. Pasqua non è solo la festa della risurrezione, perché essa è immersione nel mistero di Cristo e cammino dietro a Lui e con Lui. Relegata alla sola festa della risurrezione, la Pasqua perderebbe la sua dimensione e consistenza reale, rischiando di non toccare davvero la realtà della nostra vita.

Read more...

Punti di vista diversi

COMMENTANDO...

Punti di vista diversi

vescovoIn questi ultimi giorni ho fatto qualche riflessione su alcune notizie lette. Partiamo da casa nostra.

GPL Chioggia. Qualche amico mi tiene informato su quanto sta emergendo sul percorso di autorizzazione del deposito GPL a Chioggia. Facevo tra me e me questa riflessione. Se si fosse trattato di una cosa che faceva comodo, o che quanto meno non disturbava, penso che nessuno sarebbe andato a guardare se mancava o meno qualche ‘carta’. Tutto sarebbe andato avanti tranquillamente nella ‘massima regolarità’ anche se mancava qualche ‘carta’. Chissà quante pratiche o autorizzazioni sono concesse e vengono realizzate senza avere ‘tutte le carte richieste’. Se qualcuno si prendesse la briga di verificare se per ogni autorizzazione c’è tutto il necessario, penso che molte potrebbero essere bloccate. Capita poi che richieste più o meno simili tra loro, alcune volte siano autorizzate, altre volte negate: dipende da chi le chiede e da chi le concede. Tante volte capita di lamentarci per iter burocratici complessi, spesso cavillosi, per richieste che tornano comode o di nostro interesse; ma siamo pronti a ricorrere a tutti i cavilli per impedire qualcosa che riteniamo scomodo o pericoloso o dannoso. La mia osservazione non è in merito al deposito di GPL in sé, per il quale non ho mai espresso parere favorevole, checché qualcuno continui a pensare, anche se non in forma ‘allarmistica’, ma riguarda sia l’iter per ottenerne l’autorizzazione sia quello per poterla annullare: tutto si gioca sul dimostrare che manca qualche ‘carta’. Questa sembra l’unica via per arrestare l’opera. O magari ci sarà anche dell’altro!

Read more...

Archivio

L’Archivio diocesano (via Perottolo 1) contiene materiale documentario di 9 secoli di storia della diocesi suddiviso in 4 fondi: Proprio dei vescovi, Archivio capitolare, Fabbriceria del duomo e Miscellanea, oltre a quello del Seminario.

Biblioteca

La biblioteca diocesana (nello stesso edificio) con 35.200 volumi e 3.000 opuscoli, in genere di carattere teologico, documenta le varie fasi dal 1500 al Concilio Vaticano II. Si integra col Museo per l’esposizione di edizioni pregiate.

Museo

Sorge accanto alla cattedrale in un edificio a U realizzato a fine anni '90 che s'innesta al Palazzo vescovile. Dedicato ai patroni Felice e Fortunato, si compone di 4 sezioni: storica, iconografica, argenteria, oggetti devozionali

Pinacoteca

Nel complesso Trinità (Piazza XX Settembre) l’oratorio del 1500 conserva tele di Piazza, Benfatti, Palma, Vicentino (1600); la chiesa (di Tiralli, 1707) ha dipinti di Mariotti, Vicentino, Damini e altri (60 tele, più statue e reperti).