Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

Diocesi di Chioggia

Bibbia Edu

-- Briciole di Pastorale -- II° dom. di Avvento 2017

II-Avvento-2017

Nel territorio

“colletta alimentare 2017”

Nel territorio

colletta-alimentareGrande adesione anche quest’anno in varie zone del territorio diocesano alla “Colletta Alimentare” organizzata dalla Fondazione Banco Alimentare. Numerosi volontari - ragazzi, giovani, adulti, anziani - erano presenti sabato scorso 25 novembre agli ingressi dei supermercati aderenti all’iniziativa a Chioggia, a Pellestrina e in Polesine, mentre moltissime persone hanno recato il loro contributo offrendo generi alimentari. Queste le quantità raccolte: a Chioggia 9.948 kg (300 in più rispetto all’anno scorso), a Porto Viro 7.236 kg, a Pellestrina-Lido 4.500 kg. A livello nazionale sono state totalizzate 8.200 tonnellate (- 3,5% rispetto al 2016) che verranno distribuite a 1.600.000 persone aiutate dal Banco Alimentare. (Nelle foto: un bel gruppo di ragazzi volontari a Chioggia; sotto: un nostro inserzionista ha messo a disposizione il furgone per gli amici di Pellestrina-Lido).

Prima Giornata dei Poveri anche nella nostra Diocesi

Prima Giornata dei Poveri anche nella nostra Diocesi

Giornata-del-povero-ChioggiaAppositamente non si sono voluti fare grandi eventi e questa 1ª Giornata del Povero ha visto nella nostra Chiesa Locale alcune semplici ma significative sperimentazioni; altre iniziative sono programmate per domenica prossima, quando si farà coincidere Festa del Ringraziamento e Giornata del Povero (Fornaci di Porto Viro). Il cibo e l’aiuto alimentare, congiuntamente alla relazione umana, di aiuto e sostegno, hanno caratterizzato le iniziative proposte dalle parrocchie, supportate dalla presenza delle Caritas/Centri di Ascolto e dai Centri di Solidarietà facenti capo alla Fondazione Banco Alimentare.

Read more...

Pensare la carità e le sue forme

INCONTRO CON IL DIRETTORE DI CARITAS ITALIANA

Momento importante di confronto anche con gli altri soggetti del territorio

Pensare la carità e le sue forme

caritas-italiaRipensare l’agire caritativo alla luce di due polarità apparentemente contrapposte: la moltiplicazione di ‘servizi’ che la Caritas ha strutturato e struttura, in risposta alle tante emergenze nel e del territorio, e rendere tutto questo vita dentro le comunità dei credenti. Operazione non semplice, perché la dimensione essenziale della carità trova un suo naturale intreccio dentro l’Ecclesia nella sinergia con l’annunzio e la celebrazione, ma nel rapporto con il territorio la sua prassi effettiva. Celebrazione e cammini di iniziazione stanno ‘dentro’ la comunità, i poveri stanno nella ‘zona comune’ di comunità ecclesiale e territorio/mondo. Comunità-Poveri-Mondo non sono affatto soggetti che stanno insieme facilmente. Don Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana, ha fortemente insistito su questo punto: la carità come scelta e coscienza comune di una Chiesa locale per essere credibile di fronte al mondo.

Read more...

Amiamo con i fatti, non a parole

PRIMA GIORNATA DEL POVERO. Domenica prossima 19 novembre

Ecco come la nostra diocesi si prepara a celebrarla

Amiamo con i fatti, non a parole

I-Giornata-PoveroIl 19 novembre si celebrerà nella Chiesa universale e quindi nelle Chiese locali la Prima Giornata del Povero, voluta e indetta da Papa Francesco. La prima Giornata avrà necessariamente il carattere della sperimentazione e della novità, anche se da tanto tempo nelle nostre comunità cristiane si è inserita la tradizione di momenti di riflessione e di proposta riguardo il tema della/delle povertà. Per questo motivo giovedì 2 novembre a Rosolina – presso la sede e Centro di Ascolto Caritas – si sono ritrovate le persone attive in diocesi, nella forma dei Centri di Solidarietà, legati al Banco Alimentare e alle Caritas Parrocchiali/Centri di Ascolto, per organizzare e promuovere alcune iniziative da realizzare domenica 19 novembre. E’ stata l’occasione nella quale le persone e le realtà, che oggi in diocesi lavorano nel campo della povertà e marginalità con lo specifico approccio dell’aiuto alimentare, hanno avuto un primo concreto momento di confronto.

Read more...

Centralità del lavoro

ANCHE DA CHIOGGIA ALLA SETTIMANA SOCIALE DEI CATTOLICI

Incontri e riflessioni importanti per Chiesa e società

Centralità del lavoro

Settimana-sociale-a-CagliariIl tema del lavoro si sta rivelando centrale per il Paese Italia e per l’azione dei cattolici che, di questo Paese, ne vogliono essere l’anima. Significativi e stimolanti i vari interventi dei tanti relatori chiamati a dare un contributo nel disegno generale della Settimana Sociale dei Cattolici Italiani svoltasi dal 26 al 29 ottobre a Cagliari. Per un lavoro libero, creativo, partecipativo e solidale che, a ben guardare, è anche la grande sfida per l’Italia di oggi... Mi piace collegare le espressioni dei tre vescovi che hanno guidato - di giorno in giorno - le tematiche proposte. Il card. Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, nel discorso di apertura (“Avvenire” lo riporta per intero) affermava urgente e non più dilazionabile la presa in carico, da parte di oratori e parrocchie, di percorsi volti all’accompagnamento delle persone e della vera e propria creazione di lavoro, non escludendo anzi incoraggiando borse-lavoro ed esperienze di nascita di cooperative di lavoro nei circuiti parrocchiali e diocesani. Su questo anche nella nostra diocesi da alcuni anni stiamo sperimentando il Fondo di Solidarietà per il Lavoro che ha visto coinvolti i Centri di Ascolto delle Caritas e varie aziende locali. Il segretario della CEI mons. Galantino, nell’omelia della celebrazione eucaristica al Santuario di Bonaria, pur non nascondendosi obiettive difficoltà, ribadiva che la nascita e lo sviluppo di un mondo di soggetti dediti al lavoro, come cooperative, imprese sociali, fondazioni di partecipazione, rappresenta il meglio del servizio che i cattolici italiani hanno fatto al Paese in questi ultimi trent’anni.

Read more...

Cappella-Memoria-finita-modulo

Riferimenti

Caritas Diocesana

Sede: Calle Seminario 740, 30015 Chioggia (VE)

Tel. 041.403066 - Fax. 041.5570073

E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Direttore: Callegari don Marino

Segreteria: Gibbin Attilio

Segreteria front office: Avanzi Francesca

Segreteria per Centri di ascolto e Osservatori Povertà: Gibbin Attilio e Girotto Claudia

 

Servizi:

Rapporto con istituzioni ed enti pubblici, enti privati e nonprofit:  Callegari don Marino

Centri di ascolto per tutta la diocesi: Gibbin Attilio

Sportello Badanti: Bellino Mario

Fondo di solidarietà per la diocesi: Gibbin Attilio

Sportello di solidarietà Rosolina: Ruzza Amelio

Sportello di solidarietà Veneziano: Boscolo Celeste e Boscolo Angelo

Mediazione linguistico-culturale: De Guarrini Federica

Servizio rifugiati e richiedenti asilo: Perini Bruno e Elena Favaretto

Rapporto 8xmille e Housing sociale: Naccari Carlo Maria

Equipe Caritas: Boscolo Celestino, Callegari don Marino, Janes rodolfo, de Bei Mattia, Gibbin Attilio, Naccari Carlo Maria

 

Associazione Carità Clodiense Onlus

(gestione servizi-segno della Caritas)

Sede legale: Rione Duomo 1006, 30015 Chioggia (VE)

Sede operativa: Calle Seminario 740, 30015 Chioggia (VE)

Tel. 041.403066 - Fax 041.5507073

Presidente e legale rappresentante: Callegari don Marino

Consiglio Direttivo e di Amministrazione: Avanzi Francesca, Casson Roberto, Gibbin Attilio

 

Comunità familiare "Le Acque di Siloe"

Sede: Rione S. Andrea 851, 30015 Chioggia (VE)

Tel. 041.402393 - E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Responsabile: De Bei Mattia

Archivio

L’Archivio diocesano (via Perottolo 1) contiene materiale documentario di 9 secoli di storia della diocesi suddiviso in 4 fondi: Proprio dei vescovi, Archivio capitolare, Fabbriceria del duomo e Miscellanea, oltre a quello del Seminario.

Biblioteca

La biblioteca diocesana (nello stesso edificio) con 35.200 volumi e 3.000 opuscoli, in genere di carattere teologico, documenta le varie fasi dal 1500 al Concilio Vaticano II. Si integra col Museo per l’esposizione di edizioni pregiate.

Museo

Sorge accanto alla cattedrale in un edificio a U realizzato a fine anni '90 che s'innesta al Palazzo vescovile. Dedicato ai patroni Felice e Fortunato, si compone di 4 sezioni: storica, iconografica, argenteria, oggetti devozionali

Pinacoteca

Nel complesso Trinità (Piazza XX Settembre) l’oratorio del 1500 conserva tele di Piazza, Benfatti, Palma, Vicentino (1600); la chiesa (di Tiralli, 1707) ha dipinti di Mariotti, Vicentino, Damini e altri (60 tele, più statue e reperti).