La croce, l’amore, il servizio

Veglia-Navicella
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Sottomarina. Parrocchia della Navicella

Veglia diocesana per i Missionari martiri nella Giornata Mondiale della Gioventù

La croce, l’amore, il servizio

Un messaggio di gioia e di felicità, che vengono dall’amore, dall’impegno e dal servizio, sostenuti dalla speranza che non delude, come è stato per i 23 Missionari martiri che hanno dato la loro vita nel 2017 per testimoniare fino in fondo l’amore di Cristo verso tutti. È il messaggio comunicato ai molti giovani e a tutti gli altri fedeli presenti nella serata di sabato 24 marzo alla Veglia diocesana di preghiera organizzata congiuntamente dal Centro Missionario e dal servizio di Pastorale giovanile, presso la parrocchia della Navicella, in occasione delle concomitanti Giornata di digiuno e preghiera per i Missionari martiri e Giornata mondiale della Gioventù.

L’incontro, presieduto dal vescovo Adriano, si è articolato in 4 tappe coordinate da don Yacopo, iniziando dal cortile dell’Istituto delle Serve di Maria Addolorata con un momento penitenziale, proseguendo nel cortile del patronato parrocchiale con la memoria dei martiri e l’accensione delle fiaccole al fuoco mentre bruciava l’incenso, quindi sul sagrato della chiesa, dove è stato proclamato il vangelo, e infine all’interno dell’edificio sacro dedicato alla Madonna della Navicella. Qui, tra i canti del gruppo inter-parrocchiale Navicella-Buon Pastore, ha portato la sua testimonianza il portoricano don José Mariano Romaguera che ha narrato la sua esperienza di giovane che, incerto sul proprio futuro, dopo un’esperienza di servizio missionario in Salvador, ha trovato la strada di un’autentica felicità nel donarsi totalmente agli altri in nome di Gesù: ha poi invitato i presenti a scrivere in un foglietto le paure che a volte ci trattengono per deporle in un cesto, come ad affidarle nelle mani del Signore che solo può liberarci. 

Il vescovo Adriano ha quindi sottolineato il messaggio fondamentale che ci viene dalla croce del Signore che dona la sua vita per tutti e ha invitato i giovani ad aprirsi al dono e al servizio, esortandoli anche a partecipare all’incontro con il papa previsto per l’agosto di quest’anno in preparazione al Sinodo dei giovani. Su invito del direttore del Centro missionario don Simone, i presenti hanno poi recato all’altare la loro offerta per l’iniziativa diocesana a sostegno della missione Bwoga-Chioggia in Burundi. Un festoso momento conviviale in patronato ha quindi concluso la bella serata trascorsa insieme da centinaia di persone, unite dalla fede in Gesù e dal desiderio di impegnarsi alla sua sequela.

 (Vito)