Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

Diocesi di Chioggia

Bibbia Edu

-- Briciole di Pastorale -- II° dom. di Avvento 2017

II-Avvento-2017

Testimoni del Risorto

Terra Santa-1Testimoni del Risorto

Finalmente! Da più di un anno attendevamo questo pellegrinaggio nella terra di Gesù. Un segno forte è stato il regalo che i sacerdoti nostri confratelli in questa diocesi ci hanno offerto per l’entrata nel presbiterio diocesano. Paura di volare, grande trepidazione, grande curiosità, desiderio di incontrarLo, sono stati i sentimenti che hanno preceduto il nostro partire per la Terra Santa. La prima celebrazione eucaristica nella Basilica dell’Annunciazione a Nazareth, quindi la Basilica della Trasfigurazione, e ancora il deserto di Giuda, e il monte delle tentazioni; quindi la grotta di Betlemme contemplando il Natale del Signore, il Cenacolo meditando sull’Ultima Cena e l’istituzione dell’Eucaristia, il Santo Sepolcro ricolmati della gioia di Pasqua, ed infine assieme ai discepoli di Emmaus, nel luogo presunto in cui i tre viandanti si sono fermati per la cena.

La celebrazione eucaristica ha dato il ritmo alla visita dei luoghi centrali della fede cristiana, certo poi le altre importanti chiese: Beatitudini, Magnificat, Benedictus, Nozze di Cana, il primato di Pietro, il lago di Tiberiade... Il percorso spirituale proposto ci ha introdotti piano piano del mistero del Dio Trinità e del Figlio che si è incarnato per noi e per la nostra salvezza. Ma non solo ha vissuto come noi per trent’anni, ma poi ha iniziato a percorrere tutte le strade per annunciare la buona novella, Egli desidera solo la nostra comunione con Lui, attraverso la fraternità. Allora le tante chiese che sorgono in quella terra martoriata da discordie e divisione vogliono essere il segno, il memoriale del passaggio del Figlio di Dio su quella terra.

Cultura, storia, spiritualità, quella vecchia Bibbia sempre a portata di mano (del vescovo Adriano, ndr), che da qualche decennio viaggia tra Italia e Palestina, sono il segno che veramente il Verbo, che da sempre era presso Dio, si è incarnato, ha sofferto ma distruggendo la morte ci ha donato la vita eterna.

Colori, profumi, tantissime diversità, contraddizioni, eppure proprio lì sei voluto nascere, ma da lì poi sei partito per essere presente in chiunque ascolta quella tua parola e la vive.

Anche noi, come i discepoli di Emmaus, ci chiedevamo come mai non si è realizzato quel grande progetto che volevi, eppure mentre camminavi con noi, e ascoltavamo la Legge e i Profeti, i nostri cuori si sono accesi di speranza, di consapevolezza, di gioia, di emozione, nel dirti ti seguiremo ovunque tu andrai, anche se sappiamo che prima che il gallo canti potremmo tradirti. Possiamo dire di aver vissuto tutto l’anno liturgico in una settimana. Per questo è necessario che il tempo passi perché il tutto si possa sedimentare nei nostri cuori, nelle nostre menti e nelle nostre anime. I giorni sono volati velocemente, come rapidamente passavamo tra le piccole viuzze che le normali guide non ti avrebbero fatto visitare, ma che riservavano sorprese inaspettate. Tra allegre risate, qualche scalata, numerose visite a particolari “barache”, il nostro pellegrinaggio è stato anche un’esperienza di intercultura e conoscenza delle altre due grandi religioni monoteiste!

Ripartendo da quella terra un canto di gioia è spontaneamente sgorgato dai nostri cuori: “Gerusalemme, noi ti rivedremo:/ la speranza ci palpita nel cuore;/ la strada è lunga, eppur ritorneremo, / Gerusalemme, casa del Signore!”.

don Yacopo

Cappella-Memoria-finita-modulo

Riferimenti

Ufficio per la pastorale dei Pellegrinaggi

Direttore: Zenna Mons. Francesco

Collaboratore: Cremonese don Giuseppe

Segreteria: Gradara prof. Giorgio

Sede: Rione Duomo 870/A 30015 CHIOGGIA (VE)

Tel: 041400525 - Fax. 0415509085

E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Archivio

L’Archivio diocesano (via Perottolo 1) contiene materiale documentario di 9 secoli di storia della diocesi suddiviso in 4 fondi: Proprio dei vescovi, Archivio capitolare, Fabbriceria del duomo e Miscellanea, oltre a quello del Seminario.

Biblioteca

La biblioteca diocesana (nello stesso edificio) con 35.200 volumi e 3.000 opuscoli, in genere di carattere teologico, documenta le varie fasi dal 1500 al Concilio Vaticano II. Si integra col Museo per l’esposizione di edizioni pregiate.

Museo

Sorge accanto alla cattedrale in un edificio a U realizzato a fine anni '90 che s'innesta al Palazzo vescovile. Dedicato ai patroni Felice e Fortunato, si compone di 4 sezioni: storica, iconografica, argenteria, oggetti devozionali

Pinacoteca

Nel complesso Trinità (Piazza XX Settembre) l’oratorio del 1500 conserva tele di Piazza, Benfatti, Palma, Vicentino (1600); la chiesa (di Tiralli, 1707) ha dipinti di Mariotti, Vicentino, Damini e altri (60 tele, più statue e reperti).