Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

Diocesi di Chioggia

Bibbia Edu

Briciole di Pastorale

Santissima Trinità

SS-Trinita-2018

Tre momenti di azione pastorale

CATECHESI E COMUNITA’

“Lettera ai cercatori di Dio” (III)

Tre momenti di azione pastorale

Continuando la presentazione del Documento “Lettera ai Cercatori di Dio”, veniamo a cogliere la struttura che sottolinea una prospettiva di azione pastorale che può essere individuata in tre momenti.

1) Ascoltare le domande degli uomini e delle donne del nostro tempo.

“Se non abbiamo ascoltato o ben interpretato le attese di quanti sono alla ricerca di Dio, forse ciò è avvenuto per la nostra eccessiva sicurezza o per la fretta di comunicare quanto ci sta a cuore.” (p. 45). È da queste domande sul senso della vita e della storia, da queste attese e speranze che l’uomo avverte la necessità di aprirsi al trascendente: anche se non in modo consapevole ed esplicito, ogni uomo sente il bisogno di un Qualcuno che dia senso pieno alla sua esistenza e che renda la sua vita degna di essere vissuta. Ogni domanda della I parte della lettera si conclude con una apertura a Dio, con una prospettiva di fede.

Solo dopo aver accolto la disponibilità dell’uomo ad aprirsi a Dio è possibile l’annuncio vero e proprio che si esprime sotto forma di “racconto”.

Read more...

Come un dialogo tra amici

CATECHESI E COMUNITA’

“Lettera ai cercatori di Dio”: i punti salienti e le novità

Come un dialogo tra amici

lettera-cercatoriContinuo la presentazione dell’importante Documento della Commissione Episcopale per la dottrina della fede, l’annuncio e la catechesi, “Lettera ai cercatori di Dio” e cerco di evidenziare quelli che sono, a mio parere, i punti salienti e le novità del Documento stesso.

Già osservando il genere letterario e la struttura della ‘Lettera’, abbiamo potuto renderci conto che essa tende a riallacciarsi alle radici dell’esperienza cristiana, individuale e comunitaria e, insieme, a rivolgersi agli uomini e alle donne che abitano il mondo attuale, senza preclusioni, anzi tentando di raggiungere anche coloro che non cercano più, “rassegnati o delusi” (p. 6).

Il testo vuole essere a un tempo rassicurante, carico di quella gioia che appare una cifra del cristianesimo autentico (“Siate sempre lieti”, 1 Tess 5,16, “pieni di gioia”, At 13,52) e anche onesto nel riconoscere gli ostacoli, le fatiche, i dubbi suscitati dall’interrogarsi sul “mistero ultimo che tutti ci avvolge” (p. 5). La dimensione originaria e quella attuale vengono messe in contatto, quasi cancellando o mettendo tra parentesi la distanza tra Chiesa e mondo, tra fede e ragione che la modernità sembrava avere una volta per tutte sancito.

Non solo: in queste pagine sembra di sentire riecheggiare lo spirito del celebre proemio della Gaudium et Spes del Concilio Vaticano II, nel quale si affermava che la comunità cristiana “si sente realmente e intimamente solidale con il genere umano e la sua storia” (GS, 1) e il Concilio rivolge “la sua parola non ai soli figli della Chiesa”, ma “a tutti gli uomini indistintamente” (GS, 2).

Anche rispetto a questa inedita impostazione del Concilio, la ‘Lettera’ introduce una ulteriore novità, rappresentata dalla dimensione personale e di dialogo tra ‘amici’, che viene proposto. Non si tratta, almeno inizialmente, della relazione ‘gerarchica’ di un insegnamento, seppure rivolto a tutti, ma di un comune interrogarsi, che unisce gli autori e il lettore del testo.

Read more...

La “Lettera ai cercatori di Dio”

Catechesi e Comunità

La “Lettera ai cercatori di Dio”

Lettera-ai-cercatori-di-DioCon questo numero inizio a presentare un Documento della Commissione Episcopale per la Dottrina della Fede, l’Annuncio e la Catechesi della Conferenza Episcopale Italiana, dal titolo “Lettera ai Cercatori di Dio”. È stato pubblicato il 12 aprile 2009, frutto di un lavoro collegiale di vescovi, teologi, pastoralisti, catecheti ed esperti della comunicazione. I destinatari sono “tutti coloro che sono alla ricerca del Dio vivente” (p.3) e, in particolare, quegli uomini e quelle donne che vivono in una situazione di inquietudine e si chiedono “chi è Dio per me? chi sono io per Dio?”.

È rivolta, quindi, sia ai non credenti pensosi (cioè coloro che si pongono domande profonde sul senso dell’esistenza e su Dio), sia ai credenti.

Read more...

Il primo annuncio e l’ascolto

Catechesi e Comunità

Il primo annuncio e l’ascolto

Iniziazione-CristianaNegli ultimi 6 numeri del nostro Settimanale, ho presentato le Tre Note Pastorali del Consiglio Permanente della Conferenza Episcopale Italiana sulla Iniziazione Cristiana.

Concludo questa presentazione mettendo in evidenza alcune sottolineature delle Note, in continuità con il Documento di Base, il Rinnovamento della Catechesi.

Le Note Pastorali insistono soprattutto:

- sulla formazione cristiana in chiave catecumenale: tenere presente che i protagonisti della Iniziazione Cristiana sono tre: Dio il Padre, la Comunità cristiana e la persona.

La prospettiva catecumenale esige la interazione di tutti i protagonisti. La trasmissione della fede non si risolve nel dire Dio, ma si risolve nel fare incontrare in maniera esistenziale e comunitaria il Cristo di cui si diventa ammiratori, discepoli e amici. Così ogni itinerario di Iniziazione Cristiana diventa un tirocinio di vita cristiana. La logica catecumenale ci costringe a ripensare la nostra pastorale, non più come singoli interventi occasionali né come interventi di massa per rendere visibile la nostra presenza sul territorio, bensì come interventi educativi, continui e coerenti, distesi nel tempo, senza fretta.

Read more...

Il processo di conversione

CATECHESI E COMUNITA’

Il desiderio di Dio affiancato ad un continuo e sempre più grande bisogno di senso

Il processo di conversione

La Nota pastorale che ho incominciato a presentare nel numero precedente, è stata redatta dal Consiglio Episcopale Permanente della Conferenza Episcopale Italiana nel 2003. Con le due precedenti del 1997 e del 1999, mette in atto “un impegno di primo annuncio e un itinerario di iniziazione e di ripresa di vita cristiana” per quanti, giovani e adulti in particolare, desiderano intraprendere un cammino di riscoperta della fede.

Un’attenzione che ho potuto riscontrare come leitmotiv che accompagna l’intero documento è che gli uomini e le donne sono portatori di un desiderio di Dio spesso inconsapevole e inespresso al quale va anche affiancato un continuo e sempre più grande bisogno di senso. Questo è quanto avviene nella vicenda dell’incontro di Gesù con la Samaritana nel Vangelo di Giovanni, immagine di riferimento che troviamo nell’introduzione della Nota che ci porta appunto a riflettere sull’annuncio del Vangelo in un mondo che è in continuo mutamento. Questo contesto porta a domandarci, in che modo le nostre comunità cristiane possono rispondere alla necessaria evangelizzazione? Questa risposta cristiana cioè di confessare che Gesù è il Signore va formulata in modo chiaro ed esplicito cercando di offrire a coloro che vivono momenti impegnativi o di sofferenza la certezza di essere amati e salvati dal Padre nel Signore Gesù, dando una testimonianza di fede autentica e comunitaria. “Cristiani non si nasce ma si diventa” (Tertulliano, Apologeticum,18,4.) attraverso un processo di conversione. Bisognerebbe dunque diventare capaci di accoglienza e di ascolto realizzando luoghi di fraternità sincera, dove poter coltivare rispetto per le scelte di ciascuno e prepararsi alla celebrazione di un sacramento volto ad assumere un impegno coerente. Le parrocchie e le unità pastorali, quando vivono con coerenza questa missione, diventano luoghi in cui le persone compiono un cammino graduale di ricerca nella libertà e nella verità.

Read more...

Pericoli nella Rete

unnamed

Cappella-Memoria-finita-modulo

Riferimenti

Ufficio per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Direttore: Marin don Danilo

Vicedirettore: Marangon prof. Fabio

Segretaria: Fecchio Ins. Frediana

 

Commissione Ufficio Catechistico Diocesano

Presidente: Marin don Danilo

Membri: Bertaglia Orazio, Fecchio Frediana, Lunardi Roberto e Signoretto Graziella, Marangon Fabio, Naccari Massimo, e Zampieri Maria, Penzo Stefano, Trenti don Gianantonio, Tugnolo don Yacopo, Zago p. Pierantonio.

 

Servizio diocesano per il Catecumenato

Responsabile: Marin don Danilo

Commissione: Lanzilao Daniela, Lunardi Roberto, Marangon Fabio, Signoretto Graziella.

Archivio

L’Archivio diocesano (via Perottolo 1) contiene materiale documentario di 9 secoli di storia della diocesi suddiviso in 4 fondi: Proprio dei vescovi, Archivio capitolare, Fabbriceria del duomo e Miscellanea, oltre a quello del Seminario.

Biblioteca

La biblioteca diocesana (nello stesso edificio) con 35.200 volumi e 3.000 opuscoli, in genere di carattere teologico, documenta le varie fasi dal 1500 al Concilio Vaticano II. Si integra col Museo per l’esposizione di edizioni pregiate.

Museo

Sorge accanto alla cattedrale in un edificio a U realizzato a fine anni '90 che s'innesta al Palazzo vescovile. Dedicato ai patroni Felice e Fortunato, si compone di 4 sezioni: storica, iconografica, argenteria, oggetti devozionali

Pinacoteca

Nel complesso Trinità (Piazza XX Settembre) l’oratorio del 1500 conserva tele di Piazza, Benfatti, Palma, Vicentino (1600); la chiesa (di Tiralli, 1707) ha dipinti di Mariotti, Vicentino, Damini e altri (60 tele, più statue e reperti).