Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

Diocesi di Chioggia

Bibbia Edu

Briciole di Pastorale

II° domenica di Quaresima

II-quaresima-2018

Un pastore esemplare

SAN MAURO DI CAVARZERE

Ricordata la figura di mons. Giuseppe Scarpa, a 50 anni dalla morte

Un pastore esemplare

mons-scarpa-corale-san-mauroDomenica scorsa, 11 febbraio, Giornata mondiale del malato e dedicata alla Madonna di Lourdes, la Comunità di Cavarzere ha solennemente ricordato mons. Giuseppe Scarpa a 50 anni dalla morte, avvenuta l’11 febbraio del 1968. La parrocchia di San Mauro, l’Amministrazione Comunale, le associazioni combattentistiche e d’arma, le associazioni di volontariato, il gruppo comunale della Protezione Civile, i comitati cittadini e le autorità militari hanno reso omaggio a questo “Arciprete” che svolse il suo ministero per ben 40 anni (1928–1968) a Cavarzere, in anni difficili, solcati dalla tragedia della II Guerra mondiale, dalla ricostruzione di un paese distrutto martoriato e dalla “rinascita” di una comunità. La commemorazione è iniziata davanti alla tomba di mons. Scarpa, nel cimitero del capoluogo, con un momento di preghiera e la benedizione impartita dal parroco don Achille De Benetti, e con un breve ricordo di mons. Scarpa espresso dal vicesindaco, prof. Paolo Fontolan, alla presenza delle rappresentanze delle autorità militari e dell’associazionismo locale.

Read more...

40 anni hanno lasciato il segno

SAN MAURO DI CAVARZERE

50° anniversario della morte dell’arciprete mons. Giuseppe Scarpa

40 anni hanno lasciato il segno

mons-scarpa-celebra-messaDomenica 11 febbraio ricorre il 50° anniversario della morte di mons. Giuseppe Scarpa, “l’Arciprete di Cavarzere” dal 1928 al 1968. Un Arciprete che rimase a Cavarzere per 40 anni e che amò il nostro paese, “il suo paese” e la “sua gente”, come un padre ama i propri figli. Un sacerdote che ha condiviso con Cavarzere, come il suo amato Crocifisso, i periodi più tristi e più difficili: la guerra, l’alluvione, la tragedia di Boscochiaro. La Parrocchia di San Mauro e l’Amministrazione comunale, in particolare l’Assessorato all’Istruzione e Cultura, non potevano non dare il giusto risalto ad una tale ricorrenza e non cogliere l’occasione per fare memoria dell’opera pastorale e civile di un uomo e un sacerdote a cui Cavarzere deve molto. Don Giuseppe fu ordinato sacerdote nel 1901 e, dopo Loreo e Donzella, venne nominato parroco della chiesa–Santuario della Madonna delle Grazie di Pettorazza Papafava dove rimase per ben 18 anni. A lui si deve l’incoronazione dell’immagine della Beata Vergine delle Grazie, avvenuta per mano del Vescovo Domenico Maria Mezzadri il 7 settembre 1924. Il 6 maggio del 1928 entrò a Cavarzere, in S. Mauro, dopo due anni dal superamento del concorso diocesano ad arciprete. Mons. Scarpa, oltre che un pastore molto colto, fu anche un grande organizzatore.

Read more...

Maria sempre con noi

TAGLIO DI PO- MADONNA DEL VAIOLO (II)

La messa del vescovo Adriano dopo la solenne processione

Maria sempre con noi

Celebrazione-Madonna-VaioloAnche la Messa solenne presieduta dal vescovo diocesano mons. Adriano Tessarollo, al termine della grande processione con oltre 3.000 fedeli-pellegrini per le vie centrali del paese passando dalla Casa di Riposo “Madonna del Vaiolo” e dalla sommità arginale del fiume Po, è stata molto partecipata. In chiesa, con il gonfalone del Comune, sul primo banco, le autorità civili con il sindaco Francesco Siviero, alcuni componenti della Giunta e consiglieri comunali, i comandanti della Polizia locale Maurizio Finessi e dei Carabinieri Giuseppe Attisani, la delegazione del Comune croato gemellato Omisaly con la presidente dell’associazione “Amici di Taglio di Po” Ani Zuvic e l’anziano ex sindaco Ildo Ponzetto di 87 anni con la moglie Michela Parioli, di 79, sindaco protagonista, con l’allora parroco frate Attilio De Zaiacomo, dei festeggiamenti per il centenario della Madonna del Vaiolo conclusi il 27 gennaio 1987. Alla Messa, animata dal coro parrocchiale “San Francesco”, diretto dalla maestra Marinella Smiderle, ha partecipato anche il gruppo Scout-Agesci “Delta del Po 1”. Mons. Adriano ha concelebrato con don Danilo Marin, rettore del seminario vescovile di Chioggia, e frate Maurizio Vanti, parroco di Taglio di Po, insieme ai diaconi Giuseppe di Trapani e Thomas Pregnolato.

Read more...

Solo: grazie!

CA’ EMO

L’abbraccio della comunità a don Virgilio Poletto

Solo: grazie!

Don-Virgilio-e-bambini-catechismoDomenica 28 gennaio la comunità di Ca’ Emo si è stretta attorno al proprio parroco, don Virgilio Poletto, per salutarlo e ringraziarlo del lavoro svolto in questi ultimi sei anni. Don Virgilio, infatti, si appresta a trasferirsi nella parrocchia di Rottanova di Cavarzere per continuare il suo ministero pastorale.

La cerimonia si è svolta nella chiesa di Ca’ Emo gremita di fedeli ed alla presenza di tutti i rappresentanti delle associazioni del paese, dell’Assessore Patrizia Osti e del consigliere Fabiano Paio per l’amministrazione comunale. Toccante è stata l’omelia di don Virgilio che ha lasciato trasparire l’emozione dai suoi occhi: “La vita di ogni uomo è scandita da tappe. Per me se ne chiude una che lascia un ricordo indelebile nel mio cuore”.

Read more...

A colei che ci salvò...

TAGLIO DI PO - MADONNA DEL VAIOLO

A colei che ci salvò...

processione-vaioloAnche le tradizioni religiose, per i tagliolesi, sono una ricchezza storico-culturale e continuano ad essere vissute con tanta passione. Infatti, anche sabato 27 gennaio, per i tagliolesi e molte altre persone dei paesi vicini, si è ripetuta la festa alla Madonna del Vaiolo, dimostrazione concreta della gratitudine per il miracolo compiuto nel 1887 a favore della comunità deltina. Alle 10 del mattino, nella chiesa parrocchiale di piazza Venezia, vi è stata la concelebrazione della Messa presieduta da mons. Francesco Zenna, vicario generale della diocesi di Chioggia, presenti il parroco frate Maurizio Vanti e il vicario frate Lorenzo Zanfavero, con il conferimento dell’olio degli infermi agli anziani delle parrocchie dell’Unità Pastorale di Taglio di Po e Mazzorno Destro.

Read more...

Archivio

L’Archivio diocesano (via Perottolo 1) contiene materiale documentario di 9 secoli di storia della diocesi suddiviso in 4 fondi: Proprio dei vescovi, Archivio capitolare, Fabbriceria del duomo e Miscellanea, oltre a quello del Seminario.

Biblioteca

La biblioteca diocesana (nello stesso edificio) con 35.200 volumi e 3.000 opuscoli, in genere di carattere teologico, documenta le varie fasi dal 1500 al Concilio Vaticano II. Si integra col Museo per l’esposizione di edizioni pregiate.

Museo

Sorge accanto alla cattedrale in un edificio a U realizzato a fine anni '90 che s'innesta al Palazzo vescovile. Dedicato ai patroni Felice e Fortunato, si compone di 4 sezioni: storica, iconografica, argenteria, oggetti devozionali

Pinacoteca

Nel complesso Trinità (Piazza XX Settembre) l’oratorio del 1500 conserva tele di Piazza, Benfatti, Palma, Vicentino (1600); la chiesa (di Tiralli, 1707) ha dipinti di Mariotti, Vicentino, Damini e altri (60 tele, più statue e reperti).