Archivi della categoria: Ufficio della liturgia

Proposta omiletica - V Domenica di Quaresima - Anno A

“Gesù pianse l’amico e lo richiamò alla vita”

LETTURE: Ez 37, 12-14; Dal Salmo 129; Rm 8,8-11; Gv11,1 45

vangelo-secondo-giovanni-Gv-11-1-45

La pagina del vangelo di Giovanni ci racconta il settimo e ultimo dei grandi ‘segni’ compiuti da Gesù e narrati in questo vangelo. Sono tutti ‘segni’ narrati in modo da condurre la comunità che legge questo vangelo alla confessione della fede. Nei brani delle ultime tre domeniche di quaresima veniamo invitati a riconoscere in Gesù, datore dello Spirito e salvatore del mondo nel brano della … Continua a leggere “Gesù pianse l’amico e lo richiamò alla vita” »

Proposta omiletica - IV Domenica di Quaresima - ANNO A

“Credo, Signore! E si prostrò”

LETTURE: 1Sam 16,1b.4a.6-7.10-13; Dal Salmo 22; Ef 5, 8-14; Gv 9,1‑41

cieco

L’evangelista Giovanni narra l’incontro nel quale Gesù guarisce un cieco, dandogli forma di mistagogia battesimale, cioè di progressivo cammino di fede del battezzato. Sono presenti anche personaggi che, pur ascoltando l’annuncio del gesto di Gesù verso il cieco e pur vedendone gli effetti, rifiutano di aderire alla fede in Lui. C’è un uomo immerso nelle tenebre fin dalla nascita, nato cieco, mai vista la luce. … Continua a leggere “Credo, Signore! E si prostrò” »

Proposta omiletica - III Domenica di Quaresima - ANNO A

Battezzati nello Spirito, fonte di vita eterna

LETTURE: Es 17,3-7; Salmo 94; Rm 5,1-2.5-8; Gv 4,5-42

La-Samaritana

Incamminati verso la Pasqua, siamo ancora una volta sollecitati a riconoscere chi è Gesù di Nazaret e il rapporto di comunione che egli ci offre, tornando a rivisitare quindi il senso del nostro battesimo come nostra adesione a Lui e suo dono nella grazia dello Spirito Santo. L’evangelista Giovanni ricostruisce il dialogo di Gesù con la donna samaritana, non appartenente alla fede giudaica, in modo … Continua a leggere Battezzati nello Spirito, fonte di vita eterna »

RIFLETTENDO SUL VANGELO - II DOMENICA DI QUARESIMA - ANNO A

“Con Cristo verso dove?”

LETTURE: Gen 12,1-4a; Dal Salmo 32; 2Tm 1,8b-10; Mt 17,1-9

Savoldo,_trasfigurazione

La vita del cristiano è cammino, ma verso dove e con chi? Non abbiamo risposte facili a questa domanda. La Parola di Dio, retta e degna di fede, come la definisce il Salmo 32, e il Figlio di Dio incarnato, Gesù Cristo, ci danno una proposta. A noi l’accettarla o meno: questo è l’atto di fede. Gesù ha camminato davanti ai suoi discepoli alla luce … Continua a leggere “Con Cristo verso dove?” »

SPUNTI OMILETICI - I DOMENICA DI QUARESIMA ANNO A

“E il tentatore si avvicinò e gli disse…”

LETTURE: Gn 2, 7-9; 3, 1-7; Sal 50;  Rm 5, 12-19; Mt 4, 1-11

prima-croce-con-stola-viola

Tentato è il giusto a cui è stata affidata una missione, colui che vive la fede e l’obbedienza a Dio, colui che ha scelto Dio. Il racconto delle tentazioni avviene infatti dopo il battesimo e prima dell’inizio della missione di Gesù che Egli vive in obbedienza e fedeltà al Padre. La tentazione si presenta come seduzione diretta a portare il giusto a staccarsi da Dio … Continua a leggere “E il tentatore si avvicinò e gli disse…” »

RIFLETTENDO SUL VANGELO - DOMENICA  VII DEL  T.O. - ANNO A

Un amore che include il nemico

LETTURE: Lv 19,1-2.17-18; Sal 102; 1 Cor 3,16-23;  Mt 5,38-48

Mt5-38-48

Anche nel brano di Vangelo di Matteo di questa domenica (5, 38-48) continuiamo ad ascoltare Gesù nel discorso della Montagna e in quella parte che riporta le antitesi alla Legge antica. Siamo alle ultime due che insieme alle altre lette la settimana scorsa invitano a superare la legge e ci presentano il compimento e la perfezione dell’Amore di Dio rappresentato da Gesù stesso. Infatti, a … Continua a leggere Un amore che include il nemico »

RIFLETTENDO SUL VANGELO - DOMENICA  VI  DEL  T.O. - ANNO A

Sequela senza “se” e senza “ma”

LETTURE:  Sir 15,15-20;   Sal 118;  1 Cor 2,6-10; Mt 5,17-37

mt-517-37

In queste prime domeniche del Tempo ordinario, la liturgia ci fa ascoltare quello che, a partire da sant’Agostino, chiamiamo il Discorso della montagna, con il quale Gesù inaugura la sua proclamazione del Regno dei cieli. Il discorso si apre con l’annuncio sconvolgente delle beatitudini le quali consentono al discepolo di essere sale della terra e luce del mondo. In questa domenica entriamo in quella sezione … Continua a leggere Sequela senza “se” e senza “ma” »

RIFLETTENDO SUL VANGELO  - DOMENICA  V°  DEL  TEMPO ORDINARIO - ANNO A

“Sale e luce” per il mondo

LETTURE: Is 58,7-10; Sal 111;  1 Cor 2,1-5; Mt 5,13-16

mt-5_13-16

Il Vangelo di Matteo, in queste domeniche, riporta l’insegnamento di Gesù che troviamo nel cosiddetto Discorso della Montagna (i capitoli 5-7). Dopo il racconto delle Beatitudini (5, 1-12) ecco, in questa domenica, l’importante istruzione sulla missione della Comunità chiamata ad essere il “sale della terra e la luce del mondo” (5,13-16). Gesù ci dice che se la luce è la condizione indispensabile per vedere le cose, … Continua a leggere “Sale e luce” per il mondo »

“Padre nostro”, nuova versione

Dalla I Domenica d’Avvento (29 novembre 2020) obbligatorio per tutti

padre-nostro-braccia-alzate

Dal 29 novembre, prima domenica di Avvento, in tutte le chiese italiane, sarà obbligatorio recitare il Padre Nostro nella nuova traduzione definita dalla Cei, nella quale si dice “non ci abbandonare alla tentazione” e non più “non ci indurre in tentazione”. Ad anticiparlo, alla fine di Gennaio è mons. Bruno Forte, arcivescovo di Chieti e Vasto, a margine del Forum internazionale di Teologia alla Pontificia … Continua a leggere “Padre nostro”, nuova versione »

RIFLETTENDO SUL VANGELO - PRESENTAZIONE DEL SIGNORE

Accogliere Gesù, luce e vita

LETTURE:  Ml 3,1-4; Sal 23; Eb 2,14-18;  Lc 2,22-40

lc2_22-40

In questa prima domenica di febbraio, quarantesimo giorno dopo il Natale, si celebra la festa della Presentazione del Signore. Narra l’evangelista Luca (2, 22-40) che Maria e Giuseppe, scrupolosi osservanti delle prescrizioni ebraiche, “quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosè portarono il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore” (v. 22), perché ogni maschio primogenito era considerato “proprietà” … Continua a leggere Accogliere Gesù, luce e vita »